Attenti agli alieni (che magari siamo noi…)

NASCE LA NUOVA SCIENZA CHE STUDIA LE "INVASIONI BIOLOGICHE" DELLA TERRA E NON SOLO

In genere, ci immaginiamo le “invasioni aliene” come sono state rappresentate in tanti film di fantascienza: esseri con una tecnologia superiore alla nostra, che vogliono conquistare la Terra per rubarne le risorse (di questo passo, possiamo stare tranquilli).

Ma in epoca di pandemia, i timori di invasione riguardano piuttosto i rischi di contaminazione batterica o virale, causate dal materiale di ritorno dalle missioni spaziali, molte delle quali dedicate proprio alla ricerca di vita aliena (in foto, il recupero della capsula della missione Hayabusa-2, contenente campioni dell’asteroide Ryugu).

Secondo Anthony Ricciardi, professore di invasion ecology alla McGill University (Canada), la probabilità che un organismo extraterrestre venga trasportato sulla Terra e si stabilisca qui è molto piccola, ma gli approcci alla biosicurezza devono essere migliorati per affrontare questi rischi.

È nata così la scienza dell’invasione biologica, che studia cause e conseguenze dell’introduzione di organismi al di fuori dei loro limiti naturali, con attenzione anche al ruolo degli esseri umani. Perché questo pericolo vale anche all’inverso: dobbiamo evitare di contaminare altri mondi con le “nostre” forme di vita.

Nelle “camere bianche” della Nasa, dove si preparano i veicoli spaziali, sono stati trovati microbi che resistono a tutti i sistemi disinfettanti. Le tecnologie di sequenziamento del Dna saranno utilizzate per identificare eventuali specie aliene, scartando quelle che potrebbero essere state introdotte su altri pianeti durante precedenti missioni spaziali.

Iscriviti alla newsletter

Email: accetto non accetto