Una farfalla cosmica si libra nel cielo australe

LA NEBULOSA PLANETARIA NGC 2899 RIPRESA DAL VLT PER IL PROGRAMMA COSMIC GEMS

New ESO’s VLT image of the NGC 2899 planetary nebula

NGC 2899 è una nebulosa planetaria che non era stata ancora ripresa in dettaglio dal Very Large Telescope dell’Eso. Grazie alla risoluzione offerta dallo strumento Fors installato sull’Unità Antu da 8,2 metri di diametro, questo oggetto si presenta ricco di dettagli, come mai prima d’ora.

La nuova immagine rientra nel programma Eso Cosmic Gems, con cui vengono prodotte rappresentazioni iconiche degli oggetti celesti, sfruttando per la ripresa i “tempi morti” tra le osservazioni scientifiche, senza nulla togliere all’interesse comunque scientifico delle stesse.

NGC 2899 è rappresentativa delle ultime fasi evolutive di stelle con massa intermedia e rientra nella classe delle nebulose planetarie bipolari, pari a circa il 20% del totale.

La particolare forma a farfalla potrebbe essere la conseguenza dell’interazione tra la stella progenitrice (una gigante rossa che si è spogliata degli strati superiori) e una stella compagna stretta di massa inferiore, che ne ha condizionato la diffusione dei gas nello spazio, lungo direzioni preferenziali, sino a circa 2 anni luce di distanza.

I colori della nebulosa sono effetto della ionizzazione subita dagli atomi d’idrogeno (rosso) e ossigeno (azzurro) da parte della caldissima stella centrale, destinata a diventare una nana bianca. Questo spettacolo celeste rappresenta una fase transitoria che dura poche migliaia di anni; un tempo relativamente breve sulla scala della vita stellare.

Iscriviti alla newsletter

Email: accetto non accetto
Informazioni su Giuseppe Donatiello 274 Articoli
Nato nel 1967, astrofilo da sempre. Interessato a tutti gli aspetti dell'astronomia, ha maturato una predilezione per il deep-sky, in particolare verso i temi riguardanti il Gruppo Locale e l'Universo Locale. Partecipa a programmi Pro-Am nello studio dei flussi stellari in galassie simili alla Via Lattea mediante tecniche di deep-imaging. Ha scoperto sei galassie nane vicine: Donatiello I (2016), Donatiello II, III e IV nel sistema di NGC 253 (2020), Pisces VII (2020) e Pegasus V (2021) nel sistema di M31. Astrofotografo e autore di centinaia di articoli, alcuni con revisione paritaria.