Un nuovo ciclo solare è alle porte

OSSERVATA IN APRILE LA COMPRESENZA DI MACCHIE DEL VECCHIO E DEL NUOVO CICLO

DSCN3005

Il Sole è in una fase di transizione tra due cicli della sua periodica attività magnetica, ed è in corso il passaggio di testimone dal ciclo 24 al 25. Un indizio di questa fase è la presenza contemporanea sul disco solare di macchie del vecchio ciclo, iniziato fra 2008 e 2012, e macchie che già mostrano il distintivo magnetico del ciclo che ci accompagnerà per i prossimi 11 anni.

Il 28 aprile scorso il Sole presentava due regioni attive: la AR 2760 a 7° di latitudine sud e la AR 2761 a 18° di latitudine sud (vedi la foto di M. Messerotti/Inaf).

Indagini magnetiche condotte per via spettroscopica, per scoprire le polarità magnetiche delle macchie solari, hanno indicato che la AR 2760 presentava la sequenza di polarità magnetiche del ciclo 24, mentre la AR 2761 presentava una sequenza opposta, dimostrando di appartenere al nuovo ciclo che sta per iniziare. Questa compresenza di macchie di due cicli successivi è indicativa della complessità caotica dei processi che sono alla base del funzionamento della nostra stella.

Le sequenze magnetiche delle macchie solari si invertono comunque da un ciclo all’altro; così, per ritrovare la stessa sequenza in ciascun emisfero devono passare 22 anni, ovvero due cicli solari, un periodo chiamato “ciclo magnetico di Hale”.

Ora gli scienziati si chiedono: quanto durerà, questo passaggio di consegne? Esiste un giorno esatto in cui finisce un ciclo e ne inizia un altro?

Pare proprio di no: è un processo che può durare molti mesi o perfino anni.

La data del minimo di attività viene calcolata effettuando una media sul conteggio dei numeri di macchie solari sul periodo di un anno; quindi si può identificare solamente mesi dopo che è avvenuto. Comunque, dovremmo esserci: le previsioni della Nasa e della Noaa (National Oceanic and Atmospheric Administration) stimano che il minimo sia centrato proprio sul mese di aprile 2020, con un margine qualche mese.

Iscriviti alla newsletter

Email: accetto non accetto